In prima linea, nelle retrovie o indolenti e indifferenti? Una scelta difficile per un giovane adolescente. Ma l’intento del nuovo Forum Teatro* Di tutti i colori è quello di riflettere su un tema importante a prescindere dalle inclinazioni personali. Il tema è quello del razzismo, della xenofobia, dell’integrazione e della coesione sociale. La modalità digitale (verrà proiettato un video nella sala con le scene) dettata dalle recenti vicende legate al COVID-19, sarà lo strumento principale con cui entreranno a confronto i giovani spettatori con l'aiuto del moderatore (detto Joker) che sarà con loro in sala.

Tre giovani si apprestano a mettere in scena un musical di fine anno. La tensione fra i protagonisti nasce quando a Rocco e Sonia (appartenenti alla razza verde) viene chiesto di includere anche Altra, una giovane proveniente da un'altra razza (blu).

Il pubblico di giovani si confronterà con una messa in scena provocatoria, di esplicita segregazione e isolamento del diverso. Dopo ogni scena il joker inviterà i ragazzi a partecipare, interrompere, dare la propria opinione e/o modificare la storia, nella modalità propria del Teatro Forum.

Il progetto di un Forum Teatro dedicato alle Scuole Medie del Canton Ticino è nato a seguito del successo ottenuto presso le scuole professionali con un Forum Teatro d’oltre alpe. I temi trattati nelle scuole professionali non sono del tutto adattabili ad un pubblico di età inferiore da qui l’idea di creare un progetto dedicato alle Scuole medie con un testo originale ma seguendo la formula del Forum Teatro. 

*Il Forum Teatro (o Teatro dell’Oppresso da Augusto Boal)

Gli spettatori osservano gli attori che recitano delle scene di vita quotidiana nelle quali ci sono uno o più personaggi che opprimono (oppressore/i) e una persona che subisce senza reagire (oppressa). In un secondo tempo lo spettacolo è riproposto dall’inizio e ogni persona del pubblico potrà, quando lo ritiene opportuno, bloccare la scena e spiegare cosa modificherebbe nell’atteggiamento dell’oppresso in modo da migliorare la situazione precedente. Solitamente si invita la persona del pubblico a sostituire l’attore che subisce la situazione di oppressione e ad improvvisare con l’altro attore che impersonifica l’oppressore. Il tutto avviene sotto l’attenzione del Joker, un moderatore, che gestisce i vari momenti e la discussione con il pubblico.

Scarica  il dossier docenti

Visualizza video richiedendo la password: video

Per tutte le altre informazioni contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero telefonico +41 (0)91/922 61 58